fbpx

Usarlo, ma con parsimonia

Nella decorazione d’interni occorre fare un uso studiato delle tonalità di viola a seconda della funzione che si vuole dare alla stanza. Le sfumature di viola, infatti, possono stimolare le attitudini legate alla fantasia e alla creatività.

Occorre però fare attenzione: dipingere un’intera stanza di una tonalità di viola intenso potrebbe opprimere l’arredamento esistente. La chiave per l’uso delle tonalità come pervinca, melanzana o malva è di usarle con parsimonia e come accenti di colore. Una parete sola farà da scenografico sfondo ad arredi semplici e lineari, color legno o bianchi.

Il bianco mette in risalto con eleganza il viola, sia che esso sia chiaro o scuro.

 

Per decorare le pareti di tutta la stanza, più facilmente si può optare per una tonalità pastello (es. lilla, lavanda, glicine) o per una carta da parati retrò: entrambe le scelte conferiranno alla stanza un’aria provenzale super elegante.

    

Altrimenti esistono colori che smorzano molto la pesantezza del viola, senza però spegnerlo del tutto: uno di questi è sicuramente un colore naturale come il legno, che oltretutto dona un tocco rustico molto piacevole!

Abbinamenti

Gli abbinamenti con il colore viola generano sempre qualche dubbio ma, in realtà, basta guardare la ruota dei colori per capire che non sono così difficili da trovare. Il viola è un colore secondario, formato da rosso e blu, per cui ci saranno viola più bluastri ed altri rossastri. In base a queste sfumature dobbiamo partire con gli abbinamenti.

Come per tutti i colori, il viola si abbina con due tipologie di colori: quelle complementari e quelle analoghe nella ruota cromatica.

Il colore complementare al viola è il giallo, con il quale genera un forte contrasto, che trasmette energia. Per cui vale sempre la regola di aggiungere qualche dettaglio nel colore complementare. Vicino al giallo troviamo la famiglia del verde: un verde salvia o acquamarina per toni più soft, che rimandano allo stile provenzale; un verde bosco o smeraldo, trova il suo compagno ideale nel viola scuro come il prugna.

I colori analoghi sono quelli adiacenti nella ruota dei colori. Vicino al viola troviamo la famiglia del blu da un lato, con i quali il viola si sposa a meraviglia, e quella del rosso dall’altro, dove l’abbinamento è un po’ più difficile da azzeccare e si indirizza più che altro verso le sfumature del rosa e del bordeaux.

 

Speriamo che l’articolo di oggi possa avervi dato un’idea su come gestire questo colore così intenso e misterioso: ricordatevi di non farvi mai spaventare dall’arredamento, perchè esso serve per esaltare la vostra anima, ma soprattutto perchè non esiste un metodo giusto o sbagliato nell’interior design.

 

Fonte 1

Fonte 2