fbpx

La casa degli italiani

Nonostante la crisi economica, gli italiani non hanno smesso di sognare la loro abitazione ideale, adattandola alle loro necessità o quasi. Analizzando le ricerche di immobili dell’ultimo trimestre, effettuate sul portale immobiliare.it, è stato possibile stabilire che il 31% di chi cerca casa desidera un quadrilocale, mentre il 23% un trilocale e solo il 19% un bilocale. La maggior parte delle compravendite realizzate riguardano trilocali e questo prova che, durante la fase di ricerca, si preferiscono gli appartamenti con ampie metrature e con una camera in più, ma che successivamente si tende a ridimensionarsi. Le dimensioni della casa ideale, selezionate dal 24%, oscillano dai 110 ai 150 metri quadri, e vengono preferite le abitazioni già in ottime condizioni, solo l’11% infatti, forse perché è a conoscenza degli incentivi prorogati al 2015, cerca immobili da ristrutturare. Per quanto riguarda il numero di servizi, gli italiani sono abbastanza decisi nel volere due bagni, infatti l’80 % desidera un secondo bagno. Un altro fattore ritenuto importante è l’indice della classe energetica che, in base ai dati di mercato, per il 67% deve essere almeno una classe C, ciò dimostra una forte sensibilità verso il risparmio energetico.

casa_5783

IL COSTO DEI SOGNI

I sogni non costano nulla, ma quando si inizia a valutare il valore economico dei propri desideri ci si scontra con la realtà: fra le ricerche, il budget più citato è quello compreso nella fascia tra i 100.000 e i 200.000, solo il 9% è disposto a spendere 500.000 euro, e il 16% cerca una casa che costi meno di 100.000 euro. Solitamente il prezzo che si può offrire non corrisponde al prezzo dell’appartamento desiderato, anche perché la maggior parte dei proprietari, che propongono i loro appartamenti in vendita, vuole realizzare un prezzo eccessivo che non corrisponde al loro valore di mercato attuale. Si crea cosi un divario tra richiesta, troppo alta, e offerta, troppo bassa, che ostacola la ripresa del settore immobiliare e rende le possibili compravendite difficili, caratterizzate spesso da una forte trattativa.

GRANDI CITTA’ E PICCOLI COMUNI: I SOGNI CAMBIANO

Un’ulteriore riflessione emersa dalla ricerca consiste nel notare come nelle grandi città venga apprezzato il bilocale, che viene scelto dal 39% degli italiani,  e il 9% è disposto ad acquistare un monolocale, che nei piccoli comuni è inesistente. Nei paesi con meno di 250.000 abitanti il 19% delle ricerche verte su case indipendenti nonostante la disponibilità economica sia minore, il 40% infatti è disposto a spendere solo fino a 150.000. Nelle grandi città il prezzo degli appartamenti sale drasticamente e forse è proprio per questo che a Milano e a Roma il 15% seleziona un budget di oltre 500.000 euro, anche se il 28% del campione è comunque intenzionato a non spendere più di 150.000 euro, nonostante il valore degli appartamenti sia molto più alto.

Milano_skyline_02